MARALBA FOCONE A MILANO

MARALBAFOCONE.COM

Maralba Focone a Milano

Domani, 6 marzo, presso gli spazi offerti dallo studio legale della Prof. R. M., in Milano, dalle 18.15 si terrà un’esposizione dell’arte di Maralba Focone.

di Pasquale Di Matteo

Nonostante la paura e la psicosi generata dalle misure adottate per l’emergenza coronavirus, in una Milano surreale si terrà un’esposizione di alcune opere dell’artista torinese, Maralba Focone.

Occasione per collezionisti invitati appositamente, l’esposizione sarà comunque visitabile, con un accesso non congestionato dalle 18.15, presso lo studio legale situato al numero 55 di Foro Buonaparte a Milano.

L’esposizione in permanenza delle opere di Maralba Focone era stata inaugurata il 5 dicembre 2019, quando il Critico d’Arte, Pasquale Di Matteo ne aveva sottolineato l’elevato spessore artistico e la raffinatezza stilistica.

Maralba Focone, attraverso un espressionismo figurativo molto personale, e attraverso un uso del colore matacomunicativo, racconta la sua visione della società contemporanea.

Una società che si accorge dei deboli solo quando tutti si trovano a rischiare, in cui le tribolazioni del vivere sono altrimenti incomprese, quando non addirittura negate o, peggio, demonizzate.

Una società del progresso che corre a forte velocità, senza aspettare nessuno che non sia in grado di reggere i ritmi imposti dalla tecnologia e dalle regole non scritte, ma ottriate dai media, che propongono uomini e donne bellissimi, perfetti, di successo e, ovviamente, circondati da tanti oggetti.

Ebbene, la Focone, attraverso le sue figurazioni, esalta la tristezza e la tribolazione delle sue protagoniste, quasi sempre sole e piegate dal peso della vita e della sconfitta.

La sua pittura è volutamente senza orpelli, esaltazione della solitudine e della tribolazione da contrapporre al successo effimero proposto dal nostro tempo, per il quale gli ultimi, i deboli, i più sfortunati, persino i più sensibili, sono difetti sociali poiché non inseguono il successo, né corrono ad acquistare oggetti per lo più inutili di cui l’uomo si circonda per soddisfare gli stereotipi dei modelli proposti dai media.

I colori a spatola della Focone sono monocromie che disegnano muri davanti ai quali ci si sente impotenti, persino smarriti, e si respira il senso di solitudine provato da quelle figurazioni che gridano, nel loro triste silenzio, una richiesta d’aiuto, non tanto per se stesse e per la loro personale condizione, ma per la società intera, per i borghi senza orizzonte che riempiono le tele dell’artista torinese, che sono metafora dello smarrimento del nostro presente, in cui l’ignoranza e la paura prevalgono sulla cultura e il buonsenso.

Le mani deformi, con dita eccessivamente allungate, sono la peculiarità dei tratti di Maralba Focone, artigli con i quali i più deboli possono cercare di avvinghiarsi alla vita, per non restarne stritolati.

La raffinatezza stilistica delle opere di Marlaba Focone è una delle più alte forme dell’arte contemporanea italiana, per cui vale la pena accantonare la psicosi per visitare lo studio legale della Prof. R. M, in Foro Buonaparte 55, a Milano, venerdì 6 marzo, dalle ore 18.15.

Pubblicato da Pasquale Di Matteo, Critico d'Arte

Critico d'Arte (Pittura, Musica, Letteratura, Cinematografia) e Curatore di eventi d'Arte Contemporanea, nonché narratore e saggista, scrive di Arte, di Attualità e di Musica su testate online; collabora con diverse gallerie e alcuni curatori in tutta Italia. E' il critico rappresentante dell'organizzazione artistica giapponese Reijinsha.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: